mercoledì 6 marzo 2019

05/03/2019

Amministrative 2019: 

il Movimento 5 Stelle ci sarà!

L’Associazione Rutigliano 5 Stelle correrà alle prossime amministrative con il simbolo del Movimento 5 Stelle


Oggi abbiamo ricevuto comunicazione che la nostra lista è stata certificata e, di conseguenza, da questo momento siamo autorizzati ad utilizzare il nome ed il simbolo del M5S.

Siamo orgogliosi di poter rappresentare, a Rutigliano, un Movimento che in questi anni ha riacceso in milioni di italiani valori come quelli della cittadinanza attiva, dell’onestà, del rispetto per l’ambiente, della trasparenza, dell’attenzione verso gli ultimi

Un Movimento che, in pochi mesi di Governo, ha già messo in atto azioni che nessuno, fino ad ora, era stato in grado di intraprendere. Reddito di cittadinanza, Quota 100, 1,5 miliardi per i truffati dalle banche, l’abolizione dei vitalizi, la riduzione del 32% dell’INAIL per le aziende, il divieto alla pubblicità del gioco d’azzardo, il blocco delle trivellazioni, la legge anti-corruzione, le penali per le aziende che delocalizzano, sono solo alcuni esempi.

Così come abbiamo fatto in questi 5 anni di costante attivismo come Associazione Rutigliano 5 Stelle, sentiamo adesso ancor di più la responsabilità ed il dovere di portare nelle istituzioni la voce e le esigenze dei cittadini rutiglianesi.

E siamo contenti di poterlo fare assieme al nostro candidato sindaco Beppe Palmino, una persona preparata con la quale condividiamo valori etici e morali.

Alle prossime elezioni, per la prima volta, i rutiglianesi potranno scegliere un movimento politico lontano dalle logiche e dalle dinamiche dei partiti tradizionali.

È il momento di portare il cambiamento anche a Rutigliano, facciamolo insieme!

MoVimento 5 Stelle Rutigliano  

lunedì 18 febbraio 2019

15/02/2019

Il Quartiere che vorrei

Ascoltare le esigenze del territorio è il miglior modo per mettersi al servizio del cittadino e progettare tutti insieme la Rutigliano che vorremmo.

Attraverso l’iniziativa “Il quartiere che vorrei”, vogliamo continuare a conoscere le criticità di ciascuna zona del paese e raccogliere proposte per migliorare la nostra comunità.

Così come fatto nell’estate del 2016 con “5 Stelle per 5 Piazze”, nelle prossime settimane saremo nuovamente nei quartieri di Rutigliano per dei gazebo informativi.

Si comincia Domenica 17 Febbraio (dalle ore 10:30) con via Cellamare!

Seguici sulle pagine Facebook Beppe Palmino Sindaco e Rutigliano Cinque Stelle per essere aggiornato sulle prossime tappe.

Ti ricordiamo, inoltre, che sul sito web www.beppepalminosindaco.it puoi compilare l’apposito form e scriverci la tua proposta per Rutigliano.

Aiutaci a costruire un programma realmente partecipato, diventa anche tu #PrimoCittadino!

sabato 9 febbraio 2019

09/02/2019

Un miraggio chiamato Palazzetto dello Sport

La programmazione, questa sconosciuta

Durante la campagna elettorale per le Amministrative del 2014, ancor prima di finire di spendere in malo modo i 700.000 € impegnati per il Parco Urbano di via Dante, Romagno promette di realizzare nella stessa area un Palazzetto dello Sport.

A quanto pare l’idea di cementificare una delle poche aree a verde del nostro paese è sempre stato un chiodo fisso per quest’Amministrazione. Ci riesce con il Palacultura, la cui fine è sotto gli occhi di tutti.

Così, successivamente, si decide di realizzare il Palazzetto in via Adelfia, alle spalle della tensostruttura.

Perché era necessario il parere dell’Autorità di Bacino?

Quando si interviene su un’area a rischio idrogeologico le legge prevede l’obbligo di richiedere parere all’Autorità di Bacino, un ente che, tra le sue finalità, ha quelle di difesa del suolo, gestione del patrimonio idrico e tutela degli aspetti ambientali ad essi connessi. 

Il progetto del Palazzetto dello Sport prevedeva che la struttura sorgesse in un'area sita in prossimità di un corso d'acqua episodico (un’asta fluviale). A tal riguardo la legge è chiara e dispone che, senza studi idraulici specifici, debba essere osservata una zona di rispetto di almeno 75 metri dall'asta fluviale, nonché di una ulteriore distanza di 75 metri come fascia di protezione.

In casi come questo, il progetto deve essere necessariamente sottoposto al parere vincolante dell'Autorità di Bacino.

Come si è comportato, invece, il nostro Comune?

Il 14 dicembre 2017 il Comune affida l'incarico di redigere il progetto di fattibilità tecnica ed economica all'Arch. Michele Castiglione Minischetti.

A distanza di un giorno (!!), il 15 Dicembre 2017, il progetto viene protocollato dal professionista incaricato, al quale viene riconosciuto un compenso pari ad € 4.500,00.
Il giorno stesso il RUP (responsabile unico del procedimento), Ing. Carlo Ottomano, approva il progetto "ritenendolo rispondente alle aspettative di questa amministrazione e, quindi, meritevole di approvazione".

La storia si ripete un anno dopo, quando, nell’arco di un giorno, il medesimo architetto riceve incarico di redazione del progetto esecutivo-definitivo (17/01/2018) per un ulteriore compenso di 14.252 €, lo trasmette al Comune (18/01/2018) ed il progetto ottiene l’approvazione del RUP.

In tutto ciò, la relazione geologica (del 17/01/2018), che sollevava le criticità relative alla zona interessata, viene completamente ignorata, anche per tutto l’anno seguente!
Solo il 20 Dicembre 2018, infatti, la Giunta approva il progetto definitivo.

Il nostro accesso agli atti e la revoca in autotutela

Mentre il RUP dà avvio al procedimento di gara, esaminando atti e documenti relativi al progetto (pubblicati online il 28/12/2018), ci accorgiamo che, nonostante le indicazioni della relazione geologica, non vi è traccia del parere dell’Autorità di Bacino

Domenica 3 febbraio il nostro candidato sindaco, Beppe Palmino, annuncia in piazza di aver presentato richiesta di accesso agli atti al Comune di Rutigliano per conoscere il parere dell'AdB, non allegato agli atti del progetto.

Martedì 5 febbraio, il RUP revoca in via di autotutela il procedimento di gara pubblica poiché "l'intervento di cui trattasi insiste in prossimità di un corso d'acqua episodico il cui progetto deve essere sottoposto al parere vincolante dell'Autorità di Bacino".

Ci avevamo visto bene!

Cosa abbiamo evitato?
Non escludiamo che i lavori per il Palazzetto possano essere affidati in futuro, previa attuazione delle disposizioni che arriveranno tramite il parere che rilascerà l'Autorità di Bacino. Bisognerà capire tempi e costi dell'operazione per mettere in sicurezza l'eventuale realizzazione della struttura in quella precisa area.

Un fatto è certo: se non avessimo sollevato questa carenza di non poco conto, oggi avremmo coltivato la speranza di realizzare il fantomatico Palazzetto dello Sport in una zona a rischio idrogeologico!

Capite bene che, senza studi che valutino la condizione reale, l'intervento è, quantomeno, altamente sconsigliato.

Inoltre, se un parere negativo dell’Autorità di Bacino fosse sopraggiunto a lavori iniziati, si sarebbe potuto configurare un grave danno economico per la comunità. Insomma una nuova cattedrale nel deserto, proprio come il Palacultura!

Approssimazione e superficialità: un marchio di fabbrica di questa Amministrazione

Restiamo esterrefatti nell'apprendere che il progettista ed il RUP non abbiano considerato minimamente la relazione tecnica né quella geologica.
Entrambe queste osservazioni presuppongono la presenza in quell'area, se non di una lama, almeno di impluvio. Tra l'altro, è sufficiente consultare le carte idro-geomorfologiche della Regione per accorgersene. 

Se si aggiunge che queste carte sono state allegate alla relazione geologica, e che, come sollevato da Rutiglianoonline in un articolo dell’8 Febbraio, la zona sembrerebbe essere di interesse archeologico, riteniamo che l’operato tecnico si possa commentare da solo.

Il dubbio è che la fretta e le pressioni politiche per presentare come compiuto, nell’imminente campagna elettorale, uno dei cavalli di battaglia dell’Amministrazione Romagno, abbiano fatto la loro parte.

Rutigliano deve avere il suo contenitore sportivo. Lo vogliamo tutti noi! Ma questo deve avvenire nel rispetto della legge che garantisce la sicurezza dei cittadini.

Basta con l'illegalità, con la superficialità, con l'approssimazione. Qui, ogni giorno, sono in gioco gli interessi della nostra comunità! 

Associazione Rutigliano 5 Stelle

Leggi il nostro accesso civico >> Accesso-Civico-Parere-AdB-Palazzetto-Dello-Sport


mercoledì 30 gennaio 2019

14/01/2019

City Attack: pratiche di bellezza

City Attack – pratiche di bellezza – è un microprogetto dell’Associazione Rutigliano 5 Stelle con il quale tenteremo di generare piccole pratiche di bellezza, attraverso attacchi gentili sul territorio di Rutigliano. 

L’idea è quella di rendere più belli e funzionali piccoli pezzi di città attraverso azioni semplici, veloci ed economiche con il coinvolgimento di abitanti, residenti o passanti del luogo. 

Domenica 13 Gennaio abbiamo fatto brillare la prima stella del nostro “City Attack”, ripulendo l’area di P.zza Aristotele

Unisciti a noi, contattaci sulle pagine Facebook “Rutigliano Cinque Stelle” o “Beppe Palmino Sindaco” per partecipare alla prossima iniziativa!

Guarda le foto del City Attack in P.zza Aristotele sulla nostra pagina Facebook.

domenica 16 dicembre 2018

16/12/2018
BEPPE PALMINO candidato Sindaco dell’Associazione Rutigliano 5 Stelle!

Beppe Palmino è il nostro candidato Sindaco!

Integrità, trasparenza e democrazia partecipata. Sono questi alcuni dei valori che hanno ispirato la nostra associazione in 4 anni di costante lavoro e presenza sul territorio.
A questi stessi valori abbiamo fatto riferimento anche nella ricerca di un candidato SINDACO che potesse rappresentare al meglio la voglia di rinnovamento di tanti rutiglianesi.
Siamo felici ed orgogliosi di averli ritrovati in Beppe Palmino (avvocato - 44 anni).
Una scelta condivisa, democraticamente ed unanimemente, da tutti i partecipanti al percorso di “MIGLIORAMENTO”, lontana dalle nomine di vertice, operate nelle segrete stanze dalla solita vecchia politica, sulla base di accordi, compromessi e dinamiche politiche e di potere.
Siamo già al lavoro per proseguire il cammino verso la costruzione di un programma elettorale realmente PARTECIPATO: tramite gruppi di lavoro, suddivisi per aree tematiche, continueremo a raccogliere le esigenze dei cittadini e studiare soluzioni per migliorare il nostro PAESE.
Vogliamo innestare una politica di ascolto, capace di rigenerare un rapporto di fiducia tra i cittadini e l’amministrazione e di ricondurre Rutigliano ad essere una comunità.
In questi anni il popolo deluso dal solito modo di fare politica ha deciso che bisogna svoltare: adesso è il momento che i cittadini alzino la testa e si facciano istituzione. 
Cercheremo di raggiungere questo obiettivo con una consapevolezza fondamentale: si può fare!


Associazione Rutigliano 5 Stelle

martedì 13 novembre 2018

13/11/2018

Sul lavaggio del Centro Storico...

Tra il 12 ed il 13 Novembre è stato effettuato l'intervento di pulizia e lavaggio del Centro Storico. Un evento molto raro negli ultimi anni, nonostante le strade del borgo antico versino costantemente in pessime condizioni igieniche. 

Un’iniziativa arrivata, a nostro avviso, con forte ritardo: sarebbe stato più opportuno anticiparla nei mesi estivi, quando l’assenza di piogge ed il caldo, rendono l’ambiente ancora più sporco ed insalubre.

Come se non bastasse, questa mattina abbiamo potuto constatare che il lavaggio delle strade ha riguardato solo le vie "principali" del centro storico (spesso in modo approssimativo), lasciando inalterato lo stato di alcune zone come, ad esempio, via Porticella, via Marconi, via Dietro la chiesa, via Passatutti, via Zaccaria, nonché di tutte le strade "secondarie".

Apprezziamo questo lampo di attenzione, da parte dell’Amministrazione Comunale, verso la pulizia del borgo antico (guarda caso l’attenzione verso il paese aumenta esponenzialmente con l’avvicinarsi delle elezioni), tuttavia riteniamo che sia necessario programmare il lavaggio del centro storico con una cadenza costante e prestabilita.


Ricordiamo, inoltre, che l’offerta migliorativa, presentata dalla ditta Gassi, prevede anche il lavaggio e la disinfezione dei punti critici (angoli particolarmente soggetti ad accumuli di sporcizia) nell’ambito dell’attività di spazzamento giornaliero delle strade. Lo stesso contratto contempla poi il servizio di “lavaggio e disinfezione superfici di particolare pregio”. Delle opportunità che andrebbe maggiormente sfruttata nelle vie del centro storico, spesso imbrattate da terreno e deiezioni di cani e volatili.


12/11/2018

ABOLIZIONE DELL’ARO: UN’OPPORTUNITÀ DA COGLIERE?

In questi mesi numerosi Comuni pugliesi si stanno confrontando con le criticità legate al modello ARO: stando a quanto riportato in un articolo della Gazzetta del Mezzogiorno del 09/11/2018, dei 38 ambiti territoriali individuati in Puglia, 26 sono stati commissariati, 22 non hanno ancora avviato il servizio d’ambito e 13 non hanno ancora approvato il piano industriale.

Come se non bastasse, per molti Comuni il passaggio al sistema aggregato di gestione dei rifiuti, comporterebbe un aggravio dei costi a fronte di un peggioramento del servizio.

A ciò si aggiungono le conseguenze dei numerosi contenziosi innescati da appalti milionari: a causa dell’annullamento delle gare, le Amministrazioni Comunali sono costrette ad assicurare il servizio mediante Gare Ponte che non garantiscono standard ottimali in termini di economicità e di qualità del servizio reso.


Il 10 Luglio scorso, il Sindaco di Noicattaro ha fatto presenti le suddette criticità al Sottosegretario al Ministero dell'Ambiente, Salvatore Micillo, il quale ha chiesto di raccogliere eventuali disponibilità dei Sindaci ad interloquire con il Ministero per avviare un approfondimento utile a suggerire un’attività legislativa risolutiva.

Consentire ai singoli Comuni di amministrare individualmente il servizio di gestione dei rifiuti, permetterebbe di garantire una progettazione strutturata sulle peculiarità di ciascun territorio, in grado di ridurre i costi ed adeguarsi alle esigenze di ogni comunità.

La situazione nel nostro Comune è emblematica delle perplessità legate al sistema ARO: l’annullamento della gara di appalto per l’ARO/7 ha permesso alla comunità rutiglianese di continuare ad usufruire del contratto sottoscritto con la Ditta Gassi che, in termini di economicità e di servizi offerti, è decisamente vantaggioso rispetto a quanto previsto nel Piano Industriale della gara annullata.

Alla luce di queste considerazioni, riteniamo sia necessario attivare una riflessione sui limiti degli ARO. Pertanto abbiamo chiesto al Sindaco Romagno se condivida o meno la proposta del Sindaco di Noicattaro di valutare l’abolizione degli Aro e, in caso affermativo, se abbia già sottoscritto la nota/relazione da questi inviata e finalizzata ad ottenere un confronto diretto e costruttivo fra Enti.

Leggi la nostra richiesta >> Richiesta-su-Posizione-in-Merito-Alla-Questione-ARO